Ultime news

23.12.2017 -

Trenta studenti di due scuole di UNRWA nella Striscia di Gaza - la scuola femminile Rimal (A) e quella maschile Al-Bahrain – hanno partecipato ad un incontro virtuale con la stazione di ricerca giapponese in Antartide. Il medico della stazione Hirofumi Oe ha parlato agli studenti della vita in Antartide e della missione della stazione. L’incontro, che è durato due ore e ha incluso una presentazione con foto e video, è stato seguito da un dibattito durante il quale gli studenti hanno fatto domande, come sull’impatto del cambiamento climatico in Antartide. “Sono stati momenti molto interessanti, e abbiamo imparato molte cose. Era la prima volta che sentivo parlare della vita in Antartide e della stazione di ricerca”, ha detto la quattordicenne Aya Wadi al termine dell’iniziativa. Il Dr. Hirofumi si è detto onorato di parlare agli studenti delle scuole di UNRWA a Gaza, spiegar loro la situazione in Antartide e esporre il lavoro e le attività della missione giapponese sul luogo. L’incontro ha rappresentato una grande opportunità per gli studenti di Gaza di conoscere la vita fuori dalla piccola enclave costiera. A causa del blocco, le possibilità di viaggiare fuori da Gaza sono praticamente inesistenti, e circa il 90 per cento degli studenti delle scuole UNRWA non ha mai potuto lasciare la Striscia. UNRWA riconosce il fondamentale bisogno degli studenti di conoscere il mondo, e lo staff educativo di Gaza è sempre alla ricerca di opportunità che diano ai studenti rifugiati palestinesi la possibilità di entrare in contatto con altre persone e potersi confrontare con i loro coetanei che vivono in altri luoghi del mondo. 

22.12.2017 -

UNRWA, l’Unione Europea e l’Unione delle Università Libanesi insieme per favorire l’ingresso dei giovani rifugiati nel mercato del lavoro e renderli in grado di prendere le giuste scelte formative e professionali.

11.12.2017 -

Il livello di tensione e agitazione si è ancora una volta innalzato in Medio Oriente, e lo sguardo di tutti è rivolto a Gerusalemme. Mi trovo qui, nella città vecchia di Gerusalemme, per assicurare a voi – rifugiati palestinesi – che UNRWA è più determinata che mai a proteggere i vostri diritti e rispondere alle vostre esigenze. Niente è per me più importante che compiere questa missione. Questo è un mandato che riflette la volontà dell’intera comunità internazionale, e che un anno fa è stato confermato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. UNRWA continua ad affrontare una pericolosa situazione finanziaria per la rimanente parte di quest’anno. Il deficit ammonta a 49 M di dollari, una cifra ancora troppo alta. Mentre ci avvinciamo alla fine del 2017 sono pienamente cosciente delle profonde preoccupazioni dei rifugiati e dello staff di UNRWA sulla continuità dei servizi dell’Agenzia. Ho intrapreso passaggi che esulano dall’ordinario, appellandomi ai più alti livelli della comunità internazionale e prendendo misure interne per preservare il nostro fondamentale lavoro. Sono grato ai donatori, ai paesi ospitanti e ai partner per il loro importante sostegno. Oggi annuncio che i servizi di UNRWA – qui a Gerusalemme Est, in Cisgiordania, Gaza, Giordania, Siria e Libano – continueranno senza interruzioni nel 2017. Le 711 scuole di UNRWA continueranno a garantire agli studenti rifugiati palestinesi l’accesso a un istruzione che trasmette loro conoscenze e competenze, e ne preserva le opportunità. Le 143 cliniche di UNRWA rimarranno aperte e i rifugiati palestinesi continueranno ad avere accesso alle cure mediche e al supporto psicosociale. I servizi sociali di UNRWA, i lavori di mantenimento dei campi, i programmi di micro finanza e di protezione, così come le attività emergenziali, proseguiranno in tutti i campi. Faccio appello a tutti i nostri partner affinché ancora cresca la mobilitazione in sostegno ai nostri servizi, che devono continuare fino a quando una giusta e duratura soluzione verrà trovata. Si tratta della dignità di 5.3 milioni di rifugiati palestinesi. Il 6 dicembre, il Segretario Generale António Guterres ha parlato a nome di tutte le Nazioni Unite quando ha detto che “lo status finale di Gerusalemme deve essere deciso in negoziati diretti tra le due parti sulla base delle rilevanti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza e dell’Assemblea Generale […] Non esiste alcuna alternativa alla soluzione dei due Stati. Non c’è nessun piano B”. Nel corso dell’anno corrente, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York ha definito indispensabile il ruolo di UNRWA e la responsabilità che abbiamo verso i vostri confronti, verso i rifugiati palestinesi. Il futuro dei vostri figli conta, e UNRWA si schiera al vostro fianco. Non per carità, ma per una ragione di rispetto e diritti, di speranza e dignità. La nostra comune umanità dipende da questo. Vi ringrazio.

Distribuzioni alimentari

I bambini non possono aspettare
Dona ora
  • I territori in cui operiamo
  • Visti da vicino
Non vogliamo che cominci il sesto anno di guerra
Un progetto speciale per bimbi speciali
Ancora rifugiati dopo 50 anni di occupazione e 10 anni di blocco della Striscia di Gaza

Twitter

Video

Facebook